dna cervello coscienza consapevolezza educazione
dna cervello coscienza consapevolezza educazione
International Society of Neuropsychophysiology DNA cervello coscienza consapevolezza educazione
International Society of NeuropsychophysiologyDNA cervello coscienza consapevolezza educazione

 

 

 

 

 

UNA PSICOTERAPIA PER LA DONNA E L’UOMO

(gennaio-marzo 1997)

 di

 

Michele Trimarchi

 

La Natura, o il Padreterno, ha creato un meraviglioso “progetto” che troviamo alla nascita nella bambina e nel bambino. L’Io genetico della donna è diverso dall’Io genetico dell’uomo e l’evoluzione umana è stata, è e sarà possibile grazie a tali differenze. L’Umanità fino ad oggi, pur avendo avuto a disposizione enormi strumenti tecnologici, non ha ancora approfondito e scoperto le chiavi scientifiche e culturali per uno sviluppo armonico della coppia.

L’Io genetico da una parte assicura il pieno sviluppo del corpo secondo un proprio programma regolato principalmente dal tempo (ontogenesi), e dall’altra consente una serie di pulsioni nel cervello che spingono l’essere, attraverso un processo continuo e dinamico, verso la libertà, la giustizia e il piacere/amore.

La libertà si acquisisce gradualmente attraverso la percezione e la gestione dello spazio circostante. La giustizia, legata al principio dell’equilibrio e dell’omeostasi cerebrale, fa sì che l’individuo, interagendo con l’ambiente circostante, mantenga un equilibrio tra energia in entrata ed energia in uscita (organi di senso, cibo, temperatura, aria, acqua, espressione motoria e verbale). Il piacere/amore è la pulsione positiva che motiva l’evoluzione dell’individuo. La sofferenza deve necessariamente alternarsi al piacere e all’amore, altrimenti subentra la depressione del sistema nervoso centrale che, protratta nel tempo, può portare perfino alla morte dell’individuo. Non a caso il rapporto sessuale orgasmico è legato ad una pulsione molto potente proprio perché è enorme il piacere che crea.

Su tali basi si fonda tutto lo sviluppo socio-politico e culturale dei popoli. L’evoluzione consiste nel creare le condizioni necessarie a favorire lo sviluppo psicofisico e spirituale della persona.

L’educazione deve consentire alla Donna e all’Uomo di prendere coscienza delle loro identità affinché si riducano il più possibile quelle imitazioni tra i sessi che possono portare a perdere la consapevolezza delle immense potenzialità racchiuse nelle differenze individuali. Più volte abbiamo affermato che la Donna e l’Uomo insieme devono potenziarsi a vicenda per consentire ad entrambi un arricchimento continuo di valori che rendono ciascuno unico e irripetibile.

L’enorme caos informazionale che impera in tutto il mondo ha creato una grande confusione nei cervelli rendendo i singoli individui schiavi di tutto ciò che li circonda, e troppo spesso il loro comportamento è pieno di nevrosi fobiche, psicosi e disturbi di personalità. Una sana psicoterapia consiste nel rilevare innanzitutto lo stato di squilibrio e di consapevolezza dell’individuo per integrare l’Io genetico al comportamento e renderlo così capace di gestire il proprio tempo e spazio con quella libertà che consente all’essere di divenire cosciente attraverso scelte di vita che non neghino a priori la propria identità e dignità.

L’azione terapeutica che utilizza il “farmaco-informazione” non deve solo aiutare la persona a liberarsi dal problema esposto, ma deve soprattutto permetterle di sviluppare la capacità di “intendere e volere” attraverso un graduale controllo e gestione di quei meccanismi cerebrali automatici finalizzati a difendere e tutelare tutto il proprio vissuto esperienziale.

L’esperienza produce dei “programmi” all’interno del cervello che, se non bene organizzati e strutturati e resi sempre positivi per l’evoluzione della persona, gestiscono di fatto la persona stessa generando paure, ansie e malesseri vari che vanno ad alterare l’integrità e la funzionalità degli organi producendo vere e proprie patologie.

La cura della mente, dunque, nella maggior parte dei casi, è di per sé la cura di tutto l’organismo, poiché è la mente - prodotta dalle pulsioni dell’Io genetico e dalle esperienze - che regola attimo per attimo lo stato di benessere o di malessere di ogni Donna e Uomo del Pianeta.