dna cervello coscienza consapevolezza educazione
dna cervello coscienza consapevolezza educazione
International Society of Neuropsychophysiology DNA cervello coscienza consapevolezza educazione
International Society of NeuropsychophysiologyDNA cervello coscienza consapevolezza educazione

 

LA VITA SENZA TEMPO

(luglio-settembre 2005)

di

 

Michele Trimarchi

 

«Ascolta nel silenzio il mio pensiero…»:

nel silenzio delle memorie risuona l’infinito dell’intero universo. Il DNA dell’uomo e della donna, con i suoi 46 cromosomi e gli oltre 100.000 geni, vibra costantemente con oscillazioni variabili pronto a risuonare con il campo vibrazionale di ogni atomo, che ne costituisce l’“anima”. Ciò significa che i campi elettromagnetici dei singoli atomi sono veri e propri “concerti”, e se potessimo portarli alla nostra coscienza non ci sarebbe un attimo senza godimenti.

Nel nostro cervello, che contiene in sé i due emisferi destro e sinistro, vi è la possibilità di formare engrammi mnemonici, o memorie, che ci conducono in situazioni banalissime, e allo stesso tempo vi è la possibilità di raggiungere stati di coscienza e di vibrazione emozionale capaci di renderci “simili” a Dio. Questa è la potenza del nostro cervello, e del cervello di ogni bambino alla nascita.

Venticinque anni fa il giornalista Dell’Aglio di un noto quotidiano, dopo avermi fatto una lunga intervista, uscì a tutta pagina con il titolo: «Geni si nasce, imbecilli si diventa». Quanti hanno riflettuto e ancora riflettono su questo titolo? Cosa ha spinto Dell’Aglio a tale affermazione?

È stato dimostrato che il cervello del bambino già nel ventre materno inizia a percepire tutto lo stato vibrazionale della madre, formando dentro di sé le fondamenta della sua esistenza. Dopo la nascita gli organi di senso e il corpo diventano le vie preferenziali delle informazioni che raggiungono il cervello, riducendo sempre più la libertà di risuonare con le varie forme di Energia che pervadono e avvolgono la nostra realtà biologica e biofisica. La differenza fra “biologico” e “biofisico” sta nel fatto che la biologia viene circoscritta alle strutture organiche materiali, trascurando la realtà biofisica informazionale, vibrazionale, elettromagnetica che costituisce l’essenza dell’esistente.

La sofferenza umana sta raggiungendo livelli estremi; le ansie e le paure invadono i cervelli; le industrie farmaceutiche inventano “pillole” nel tentativo di ridurre la somatizzazione dolorosa della sofferenza. Tutto l’organismo, sottoposto alle somatizzazioni, viene stressato sempre più, e gli “specialisti” codificano nuove sindromi e psicopatologie con associate “terapie” fatte di farmaci e troppo spesso di parole inutili.

Abbiamo detto più volte che nel bambino deve formarsi il “Pilota del cervello”, il quale deve imparare rapidamente a guidare, nel tempo e nello spazio, la propria esistenza. Il Pilota è l’Io, l’Anima, lo Spirito - come lo volete chiamare - che risiede nei lobi frontali destro e sinistro del cervello e che può inibire o attivare ogni funzione del proprio corpo e della propria mente. È l’Io che deve gestire e dirigere i propri organi di senso alla ricerca e alla scoperta delle meraviglie di un mondo di Conoscenza che è disponibile a chi la cerca.

L’intima essenza della Natura è vibrazione, non è solo forma, eppure la banalità della percezione si sofferma troppo sulle forme senza entrare in risonanza con le vibrazioni e il dinamismo dell’essenza contenuta all’interno delle forme, ma le forme non generano Emozione.

L’Emozione viene prodotta da stati vibrazionali dell’Energia, e il Pilota deve creare le condizioni, nel proprio cervello, per ricercare la sintonia con le forze armoniche della Natura. E tutta la creatività umana deve salire di piano per progettare e creare stati vibrazionali armonici capaci di generare il piacere e la gioia di socializzare, dialogare, cooperare. Solo così ci si evolve e si inizia una graduale uscita dalla conflittualità drammatica che rende ormai impossibile l’esistenza sul nostro pianeta.

Quindi crea il silenzio dentro di te. Osserva, ascolta e cerca di percepire ciò che normalmente non si vede, non si sente, non si tocca, ma esiste, è “tangibile” per il tuo Io ed è pronto a risuonare con te e a produrti infinite Emozioni.