dna cervello coscienza consapevolezza educazione
dna cervello coscienza consapevolezza educazione
International Society of Neuropsychophysiology DNA cervello coscienza consapevolezza educazione
International Society of NeuropsychophysiologyDNA cervello coscienza consapevolezza educazione

 

 

 

 

 

LA GESTIONE DEL POTERE E LA FORZA DELLA VERITÀ

(luglio-agosto 1991)

di 

 

Michele Trimarchi

 

Il potere nel mondo animale è regolato da leggi fisiche e biologiche, per cui nessuno può esercitarlo se non in funzione di tali leggi.

L’umanità, partorita dalle stesse leggi, dopo aver sperimentato a lungo le varie forme del potere, vive oggi un periodo di transizione che la spinge verso la concretizzazione di una vera democrazia.

In una reale società democratica concettualmente il potere diventa servizio poiché la sovranità spetta a tutti i cittadini: l’evoluzione biologica e culturale spinge così l’uomo verso una forma di coscienza in grado di superare le leggi genetiche che regolamentano la gerarchia biologica del potere.

L’evoluzione, dunque, ha fatto sì che le leggi biologiche si trasformassero in psicologiche per diventare poi politica sociale. Chiaramente tale processo è ancora in atto ed è spinto dall’evoluzione verso una sempre maggiore diffusione e stabilizzazione dei valori politici raggiunti affinché tutta l’umanità possa godere dei benefici dell’evoluzione umana.

È possibile “datare” tale processo evolutivo attraverso l’analisi del crollo delle varie forme di potere esercitato arbitrariamente sui popoli. Questi, spinti dall’evoluzione, ricercano una propria identità umana in cui ogni singolo individuo deve acquisire la “capacità di intendere e volere” all’interno di principi democratici che permettano a ognuno di diventare sovrano della propria esistenza senza ingerenze e violazioni di nessuna natura.

Siamo giunti, così, a comprendere che non sarà il potere politico a dominare gli uomini, ma la forza della coscienza e della verità.