dna cervello coscienza consapevolezza educazione
dna cervello coscienza consapevolezza educazione
International Society of Neuropsychophysiology DNA cervello coscienza consapevolezza educazione
International Society of NeuropsychophysiologyDNA cervello coscienza consapevolezza educazione

L’intelligenza tra civiltà ed evoluzione

(luglio-settembre 1999)

 di

 

Michele Trimarchi

 

È stata l’intelligenza umana a produrre la civiltà tecnologica, nonché l’intelligenza artificiale, e i test intellettivi (QI) in uso corrente si rifanno di fatto alla misurazione di una intelligenza trasferita poi nei programmi dei computer. I metodi di istruzione, formazione ed “educazione” ancora oggi si mescolano in un insieme ibrido che finisce per costituire lo stesso metodo con cui si istruiscono i computer. Tale metodo produce quella che è considerata civiltà: la civiltà ha favorito la comunicazione, ha ridotto le grandi fatiche fisiche dell’umanità, ma non ha incrementato la creatività e la qualità della vita, veri indicatori dell’evoluzione umana. In poche parole, abbiamo creato un mondo artificiale “sfruttando” e imitando alcune qualità del mondo naturale.

Dai nostri studi – che scaturiscono da un deduttivismo fondato sull’osservazione oggettiva dei fenomeni – abbiamo potuto comprendere che la conoscenza prodotta dall’intelligenza tecnologica (matematica e nozionistica) esclude di fatto lo sviluppo della coscienza, mentre tutti sappiamo che l’Io cosciente dell’individuo si sviluppa sulla base concettuale di valori universali e non sulla logica nozionistica e matematica. Tale logica dovrebbe essere uno strumento per la coscienza e non essa stessa coscienza: quando si parla di scienza e coscienza, infatti, occorre sempre tenere presente che la scienza deve essere uno strumento della coscienza, i cui fini devono favorire il benessere e l’armonizzazione sociale ed umana.

L’intelligenza della coscienza è regolata da leggi naturali, la cui logica è in perfetta sintonia con una percezione oggettiva ed obiettiva della realtà. Qualora l’insegnamento si discosti dalla realtà inizia a formarsi all’interno dell’individuo una dualità pericolosissima che tende a dissociare la persona dalla propria natura per sviluppare parallelamente una logica ed una intelligenza “artificiali”.

La chiave per risolvere questo problema risiede nel metodo che scinde l’educazione dall’istruzione: l’educazione non istruisce ma utilizza l’istruzione come mezzo per arricchire la coscienza di conoscenze utili al proprio iter esistenziale. L’educazione, dunque, favorisce lo sviluppo della coscienza e l’istruzione fornisce alla coscienza strumenti di elaborazione e comunicazione. Più l’Io cosciente è ricco di strumenti conoscitivi più può progettare, elaborare, comunicare e scambiare con gli altri la propria creatività.

La saggezza segue questa via a tutt’oggi sconosciuta alle istituzioni educative dei vari Paesi. Ecco perché è raro incontrare individui saggi, poiché essi si formano attraverso una autodidattica guidata dall’intelligenza naturale non soggetta all’autoritarismo dell’“ignoranza” che utilizza il potere come mezzo per conservare il proprio ruolo e la propria posizione sociale. Laddove l’autoritarismo prende forza sul cervello del bambino o dell’adulto, si forma un condizionamento cerebrale che va a limitare l’azione dell’Io cosciente, poiché il condizionamento diventa un automatismo del comportamento che esclude una percezione oggettiva della realtà: la persona agisce sulla base del condizionamento subìto, ovvero fornisce all’ambiente una risposta proporzionata alle caratteristiche del condizionamento stesso. La conoscenza delle funzioni superiori del cervello umano e di come i due emisferi cerebrali codificano e decodificano le informazioni ci ha permesso di chiarire tali meccanismi.

Questo è certamente un momento importante dell’evoluzione umana che ci consente di comprendere come organizzare e riorganizzare l’educazione e l’istruzione al fine di creare una scuola ed una università in grado di favorire lo sviluppo della coscienza con i valori espressi dalla Dichiarazione Universale dei Diritti dell’Uomo e allo stesso tempo utilizzare tutti i mezzi tecnologici per ampliare lo scambio cooperativo fra gli esseri umani della terra per un sostanziale incremento della qualità della vita.